sabato 30 marzo 2013

Pizza di Pasqua e auguri!

Sembra un panettone con la glassa!
Ma non lo è.
Colorato come un dolce di carnevale, per le codette di zucchero.. ma si mangia a Pasqua!
Per farlo ci vuole tempo e tanta pazienza, come per tutti i lievitati.
La ricetta è  antica ed è un mistero, una dose precisa io ancora non l'ho trovata!
Si impara col tempo, soprattutto se si ha la fortuna di osservare qualcuno che la sa preparare, oramai poche persone, visto il lavoro che c'è dietro.
Sto parlando della Pizza di Pasqua!
E' un dolce tipico di diverse zone dell'Italia centrale, con piccole variazioni da zona a zona, la mia versione arriva dall'alto lazio, dove abita la mia nonna paterna.
La ricetta è tramandata oralmente, spesso non ha un quantitativo esatto di farina e nemmeno di acqua, usatissima l'espressione: <<quella che raccoglie!>> un'approssimazione che sapete in pasticceria non funziona, soprattutto se sperimentate qualcosa per la prima volta!
Ci vuole una biga (pre impasto ottenuto dalla miscelazione di acqua, farina e lievito) fatta la sera prima, impastata ben due volte e poi lasciata riposare fino al mattino successivo!
Poi altro lievito, farina, acqua, burro, buccia di arancia e limone, un mix di liquori per dolci, una spolverata di cannella, chiare d'uovo e codette di zucchero colorate per decorare.
Un procedimento lungo e laborioso, che regala un risultato meraviglioso.
Una torta alta e morbidanon soffice come il panettone con una consistenza più compattanon asciutta, molto profumata ma non troppo dolce, perfetta per la colazione, un dopo pasto e ottima.. direi strepitosa con un bel pezzo di cioccolato (fondente per me!).
Mi sono cimentata quest'anno per la prima volta, il risultato non è male ma va migliorato, ho dovuto dividere la dose classica che si fa da noi di ben 20 uova e ridurle a 5 uova, per ottenere 2 pizze.
Sappiate che dividere semplicemente il quantitativo degli ingredienti non basta, in pasticceria ci vuole altro!
Qualche nozione di chimica, qualche conoscenza in più sugli ingredienti che si utilizzano, ma soprattutto tanta esperienza ed un po' di attitudine personale!
Anche la cottura, non è uno scherzo, il parametro di riferimento è il forno a legna... quindi capite bene che cuocere la pizza di pasqua nel forno di casa non è uno scherzo, senza farla seccare all'interno o bruciare sopra!
Per la prima volta posto il risultato ma non la ricetta, che cattiva penserete?
Nessuna cattiveria, nel mio blog posto solo cose testate ed assaggiate più volte e magari da palati diversi, se passano l'esame sono pronte per voi!
E' una questione di rispetto, per tutti quelli che si affidano a me e decidono di sperimentare una ricetta.
Auguro a tutti una Buona Pasqua!
Un augurio speciale a tutte le food blogger che stanno trafficando in cucina, tra un ingrediente nuovo, uno vecchio, con tovaglie stirate di fresco tra le mani ed una foto strappata alla frenesia delle feste e regalano un piatto curato a coloro che amano, condividendo con tutti un po' della loro passione per la cucina.


Pizza di Pasqua







11 commenti:

  1. più o meno la stessa pizza di Pasqua che faccio io, senza gli albumi a neve però.. di che zona dell'alto lazio è la tua nonna? ^^ io una ricetta ben precisa ce l'ho.. magari possiamo confrontarci. Auguri per una serena Pasqua, Eleonora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provincia di Rieti!
      Le mie zie più giovani me ne hanno passata una simile ma io vorrei ritrovare quel gusto e quella consistenza unica... ci vorrà un po' di studio!
      Ma grazie Eleonora..
      Auguri a te!
      Laura

      Elimina
    2. allora veniamo dalla stessa zona.. ^^

      Elimina
  2. Cara Laura, piacere di incrociarti in rete. Come avrai intuito non sono un genio della cucina, soprattutto perchè non mi rassegno all'idea che la pasticceria sia precisione matematica. Il mio "così andrà bene lo stesso", non mi aiuta. E' per questo che sono una teorica e frequento i vostri meravigliosi blog per il piacere della vista.
    Tornerò spesso. Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piacere mio!
      Grazie Valeria.. un bacio a te!

      Elimina
  3. Sono affezioanta a questo dolce della tradizione perchè mi ricorda tanto la mia nonna. Che bella la tua pizza decorata con la glassa e la monpariglia colorataò Fa subito festa e primavera. Un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me ricorda mia nonna!
      Buona settimana a te Federica..
      Un bacio

      Elimina
  4. Dear Laura!i cook such Pasqua every year, but in Russia we call it " Kulich". Very tasty, it stores for long time in a cool place, so I cook them about 20 and we can eat them all easter week and present them to our friends!
    This year in Russia Easter( Pasqua) will be on the 5 of May, so my cooking is ahead:)
    If it is interesting for you I can share my recipe with you! Yes, long cooking, but great result!;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dear, even our "Easter Pizza" needs a long rising, about 3 days and then cooking for 1 hour, the cake will keep for 1 week.
      If you want to send me your recipe for "Kulich" I'm curious, my email address is in my profile.
      Nice to meet you!

      Elimina