Pici al ragù

Mancano pochissime ore alla fine della sfida dell'MTChallenge di gennaio.
Oggetto della gara: i Pici della Patty, una vera poesia.
Ho rimandato, prima per un motivo poi per un'altro ed ogni volta che mi trovavo davanti i Pici di Patty mi dicevo... ineguagliabili!
Dopo l'ennesimo tentennamento, mi accorgo che la sfida si conclude alla mezzanotte del 28 Gennaio 2013, ma che giorno è oggi?
Non c'è più tempo.. o meglio, è solo questione di ore!
Io che per anni ho avuto la fortuna di vivere una cucina davvero home made, con i prodotti di mio nonno contadino: dal latte, alla carne, ai formaggi, all'olio extravergine d'oliva, inebriata dagli odori degli impasti di nonna e vecchie zie con i loro mille tipi di pasta fatta in casa.. non potevo desistere, dovevo almeno provare!
Ed eccomi a preparare il mio ragù di carne che ricorda moltissimo quello bolognese, ma con qualche accorgimento personale. 
Poi ad impastare.. a dire il vero volevo modificare la qualità di farina usata e fare una variante, ma non ho voluto rischiare troppo, visto il poco tempo a disposizione. 
Mentre impastavo, ho pensato che i Pici somigliano molto ad un tipo di pasta che si fa in sabina nella provincia di Rieti, i Maccheroni a fezze.
Questi maccheroni che somigliano molto come forma ai Pici si ottengono impastando farina di grano, acqua ed un pizzico di sale e poi si lavorano con l'olio ex.d'oliva. 
Ma tornando ai Pici.. con i consigli della Patti, ho ottenuto dei pici ottimi ed il mio ragù ha fatto il resto.
Un piatto commovente... per la pazienza, la cura e l'amore che serve per crearlo.



Pici al ragù 








Ingredienti

3 persone

Pici


200 GR DI FARINA DI GRANO "00"

100 GR DI FARINA DI SEMOLA DI GRANO RIMACINATA
2 CUCCHIAI DI OLIO EX. D'OLIVA
1 PIZZICO DI SALE
125 ML CIRCA DI ACQUA

Ragù 


250 GR DI CARNE DI VITELLONE MACINATA

500 ML DI PASSATA DI POMODORO
1/2 CIPOLLA 
1 CAROTA
1 COSTA DI SEDANO
1 SPICCHIO DI AGLIO
5 POMODORI SECCHI
1/2 BICCHIERE DI VINO ROSSO (per me Cannonau di Sardegna)
1/2 CUCCHIAINO DI ERBE DI PROVENZA
OLIO EX. D'OLIVA 
SALE

Occorrente

PENTOLA
PADELLA
MATTERELLO
CUCCHIAIO DI LEGNO
ROTELLA TAGLIAPASTA 
PELLICOLA TRASPARENTE


Per cominciare preparate il ragù, deve cuocere un bel po'.

Pulite e sminuzzate in piccoli pezzetti: la carota, la cipolla e il sedano.
Mondate un grande spicchio di aglio.

Ragù di carne


In una padella versate l'olio ex. d'oliva (circa 5 cucchiai per me), la carota, la cipolla, il sedano e l'aglio, fate soffriggere almeno 5 minuti poi aggiungete la carne macinata e continuate a cuocere, girando spesso con un cucchiaio di legno. 

Aggiungete i pomodori secchi spezzettati, mezzo cucchiaino di erbe di Provenza mescolate e continuate la cottura, appena la carne sarà ben cotta alzate un po' la fiamma e versate il vino, fate sfumare e abbassate il fuoco. 
A questo punto versate la passata di pomodoro, una buona presa di sale fino e lasciate cuocere per più di un'ora o almeno fino a quando il sugo sarà tirato, avendo cura di mescolare ogni tanto.

I Pici


Su un piano versate la farina "00" e la semola, mescolate con le mani e create una fontana, al centro versate l'olio ex.d'oliva, un po' di sale fino e piano piano versate l'acqua, iniziando ad impastare dal centro.

Io ho usato 1 bicchiere di acqua (circa 125 ml).
Dovete ottenere un impasto elastico e liscio, più lo manipolate meglio sarà.
Fatelo riposare la palla di impasto avvolto nella pellicola almeno 5 minuti.

Ora con il matterello stendete l'impasto alto circa 1 cm e poi con il tagliapasta o un coltello, ottenete delle strisce larghe 1 cm, iniziate a tirare i pici (il resto dell'impasto copritelo con la pellicola o indurirà).

Tenete una estremità della striscia di pasta con il palmo della mano appoggiandola al piano di lavoro, con l'altra mano iniziate a rotolarla sul piano stendendo verso l'esterno, per allungarla.
Tirateli molto, perché in cottura ricrescono.
Continuate così fino a terminare le strisce di pasta, spolverate i pici ottenuti con la semola di grano, per non farli attaccare l'un l'altro.

Pici


Mettete a bollire una pentola con l'acqua, non appena bolle, salate a piacere e versate i pici, mescolate delicatamente e attendete circa 4 - 5 minuti, scolate e condite con il ragù.

Se volete potete spolverare con qualche cucchiaio di pecorino grattugiato servite caldissimi!



Nota


Le Erbe di Provenza sono una miscela di erbe aromatiche essiccate, tipiche della provenza, le proporzioni delle erbe contenute può variare, ma di solito si usano: timo, rosmarino, basilico, maggiorana,salvia, santoreggia, origano,menta, origano.


Con i Pici al ragù partecipo all'MTChallenge di Gennaio 2013.






Commenti

  1. Ce l'hai fatta?????
    Ce l'hai fatta!!!
    Davvero, non avrei mai pensato che sarebbe stato possibile, in così poco tempo! E invece, ci hai regalato una bella ricetta, di tradizione, perfettamente in linea con il tema e con il regolamento. E con lo spirito del gioco: perchè l'intraprendenza non ti manca!
    Felicissime di averti con noi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie... grazie a voi!
      Sì c'è l'ho fatta.. mancava davvero poco alla fine della sfida.
      L'organizzazione ma soprattutto la pazienza.. quando fai le cose che ami sembra dilatare il tempo e riesce a farci entrare tutto quello che serve.
      A presto!

      Elimina
  2. Tutti avete fatto i pici!!! Mi avete fatto venire la voglia di mangiarli, ci devo provare, tu sei stata bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In fretta e furia all'ultimo momento ma ce l'ho fatta!
      Provali.. non ti deluderanno...
      Baci

      Elimina
  3. Ciao Laura! :) Non ci crederai ma in questi giorni, vedendo tutti questi pici, mi è venuta una gran voglia di provare e proprio oggi ho detto: ok, tra domani e dopodomani si "picia"! Ahaahahahah! Mi piace tantissimo la tua ricetta e la salvo subito ;) Un abbraccio grande e complimenti, sei stata bravissima :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci vuole un po' di pazienza ma il risultato vale davvero la "pena"!
      Un bacio a te!

      Elimina
  4. La pasta fatta in casa è qualcosa di meraviglioso *-*
    Segno la ricetta tra i preferiti e ti faccio i miei complimenti (e il mio in bocca al lupo per l'MTC )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pasta fatta in casa.. ha qualcosa di speciale!
      Sarà.. anche merito della cura che bisogna spenderci per farla...
      Grazie e crepi il lupo!
      A presto..

      Elimina
  5. Già che c'eri potevi aspettare ancora un pochino. Io sono in ritardo abissale a commentare il tuo post, ma tu mi hai fatto prendere un colpo visto che mi avevi preannunciato la partecipazione! Beh, in ogni caso l'attesa ha valsa la pena perché questo è un signor piatto ed i pici vorrebbero davvero morire in un ragù così ben fatto.
    Complimenti e sono felicissima che tu sia della partita! Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so che ci sei.. la vita è una corsa.. ma non dubitavo di trovare un tuo commento!
      Grazie a te..
      baci

      Elimina

Posta un commento