martedì 14 gennaio 2014

Spaghetti al pomodoro.. pachino!

Piove, tempo grigio, ci vuole un po' di colore almeno nel piatto!
Noi foodblogger cerchiamo spesso nuove ricette, quelle non comuni, oppure reinventiamo quelle della tradizione per metterci qualcosa di nuovo, di nostro.. per sperimentare e per condividerne la buona riuscita o il fallimento totale. 
E si perchè non tutte le ciambelle escono con il buco!
Spesso la bravura sta nel far bene anche i piatti che sembrano semplici, quei piatti che tutto il mondo ci invidia e replica con dei risultati agghiaccianti a volte!
Oggi vi propongo un piatto che non manca mai nel menu del turista straniero, che viene in Italia per visitare la bellezza del nostro paese e apprezzarne il cibo, sto parlando della pasta al pomodoro.
In questo caso spaghetti con pomodori pachino, pomodori non freschi, ma di conserva, meglio se fatta in casa o al massimo acquistata al supermercato ma che sia di buona qualità.
In questo periodo utilizzo sempre passata e conserve di pomodoro, perchè non è decisamente stagione di pomodori, anche se possiamo trovarli ovunque di pessime o buona qualità.
Le materie prime sono fondamentali per ogni piatto, ecco da dove tutto parte, non mi stancherò mai di ripeterlo.
Un ottimo olio extravergine d'oliva, io ho utilizzato quello della Sabina Dop, un olio leggero, fruttato e dal colore giallo - verde con riflessi dorati, una buona pasta che tenga la cottura e per finire, se vi piace, del superbo Parmigiano Reggiano Dop.
Bastano pochi minuti per ottenere un piatto strepitoso, un evergreen della cucina Italiana!



Spaghetti al pomodoro pachino



Ingredienti 

per 2 persone

180 GR DI SPAGHETTI

250 GR DI CONSERVA DI POMODORI PACHINO
1/4 DI CIPOLLA BIANCA O GIALLA PICCOLA
1 SPICCHIO DI AGLIO IN CAMICIA
3 CUCCHIAI DI OLIO EXTRAVERGINE D'OLIVA
1 SALE FINO
SALE GROSSO
1 PIZZICO DI ZUCCHERO
BASILICO ESSICCATO o SURGELATO
ORIGANO ESSICCATO o SURGELATO
3 - 4 CUCCHIAI DI PARMIGIANO REGGIANO GRATTUGIATO

Occorrente

PENTOLA
PADELLA
CUCCHIAIO DI LEGNO
GRATTUGIA
SCOLAPASTA

Per cominciare mettete una pentola con dell'acqua per lessare la pasta.

Sminuzzate finemente la cipolla e schiacciate (con la parte larga di un coltello grande) uno spicchio di aglio mantenendo la buccia (camicia appunto).

In una padella a fuoco medio basso versate: l'olio extra. d'oliva, la cipolla e l'aglio, fate andare per 4 - 5 minuti rimestando ogni tanto, poi togliete l'aglio.

Versate la conserva di pachino in padella, aggiungete qualche cucchiaio di acqua, il sale fino (mezzo cucchiaino abbondante aumentate poi, secondo i vostri gusti) un pizzico di zucchero, mezzo cucchiaino di basilico essiccato e un pizzico di origano essiccato, fate cuocere per 15 minuti rimestando ogni tanto, non alzate troppo il fuoco.
Appena l'acqua bolle, salate (sale grosso 1 cucchiaio abbondante, dipende da quanta acqua avete messo) e versate gli spaghetti, scolateli al dente (almeno un minuto prima di quelli segnati sulla confezione della pasta) senza privarli troppo dell'acqua che servirà per amalgamarli meglio, versateli nella padella col fuoco spento e rimestate bene.
Impiattate gli spaghetti, spolverate con parmigiano reggiano se vi piace o potete anche ometterlo, saranno buoni in ogni caso!


Consiglio

Lo stesso procedimento che ho usato per il condimento degli spaghetti può essere eseguito con i pomodori pelati, con pomodorini freschi e con la passata di pomodoro, facendo attenzione ai tempi di cottura che variano leggermente, non fate ritirare troppo il sugo del condimento.
Cercate di cuocere gli spaghetti in una pentola con abbondante acqua, evitate in ogni caso di scolare troppo la pasta, ne va della buona riuscita del piatto.


6 commenti:

  1. Classico piatto buono tutto l'anno che tutti adorano! Brava mi unisco al tuo blog ciao alla prossima bontà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo!
      Piacere di conoscerti...

      Elimina
  2. Un buon piatto di spaghetti con i pomodorini è sempre gradito, oltre che un asso nella manica. A volte penso che noi italiani siamo fortunati, perchè in un attimo sappiamo preparare un piatto così semplice, ma di una bontà unica!
    Ciao Laura, a presto.:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già siamo fortunati, soprattutto se si parla di ottime materie prime!
      A presto..

      Elimina
  3. Ciao Laura :) Questo è un piatto che amo alla follia e che erroneamente molti sottovalutano... come giustamente dici, la bravura sta anche e soprattutto nel preparare a regola d'arte piatti definiti "semplici", non tutti ci riescono a mio avviso! La scelta delle materie prime è alla base, poi la cottura della pasta... insomma, piccole grandi cose da non sottovalutare! Il tuo piatto è a dir poco invitante, mi sembra quasi di sentirne il profumino... facciamo così, porto la torta ai 3 cioccolati e tu prepari un bel piatto di questi spaghetti? ^_^ Complimenti e un abbraccio forte forte, buona serata :)

    RispondiElimina